giovedì 9 maggio 2013

Vorrei dedicare a questo spazio più tempo ma chi mi conosce sa che è un momento di puro stress, ergo incombe la tesi sulla mia capoccia. Detto questo passiamo al succo del discorso. Come sempre arrivo tardi, The Americans è finito da una settimana (abbondante), la primavera se ne è andata per sempre, non ci sono più le mezze stagioni, la crisi ci sta uccidendo lentamente ma, ritorniamo a The Americans. 

Ultimamente mi sono scoperta una grande amante dei spy drama. E chi l'avrebbe mai immaginato? In realtà tutto credo sia nato con il mio grandissimo amore telefilmico ossia Homeland. Il conto alla rovescia per la terza stagione ormai è definitivamente partito e non avete neanche idea di quanto mi manchino le espressioni di Carrie, la sua voce, la sua istintività. Adoro il personaggio telefilmico di Carrie Mathison, lo potrei difendere fino alla morte ma non voglio parlare di Homeland (ci sarà tempo per farlo) ma bensì di The Americans. Serie tv made in USA, trasmessa su FX da inizio 2013, 13 puntate con già rinnovo per la seconda stagione (e ci mancherebbe!)

[SEGUONO DIVAGAZIONI SENZA SPOILER
... Forse spoiler leggeri ...]


Brevissimamente la trama questa volta doverosa altrimenti non si capisce nulla: USA vs URSS ci troviamo in pienissima Guerra Fredda. Due spie russe ormai in America da molti anni, ovviamente sotto copertura, Philip ed Elizabeth si trovano coinvolti in sotterfugi, inseguimenti, recuperi di materiali preziosi ma soprattutto si ritrovano a dover far di tutto per non rimetterci le penne. C'è il KGB e c'è la grande patria America. C'è un matrimonio costruito a tavolino... Eppure. 

Alcune precisazioni d'obbligo. La serie è completamente ambientata negli anni Ottanta indi se i due hanno una pistola è già fin troppo, non aspettatevi dunque uno spy drama moderno. Assolutamente no. Tutto è riportato indietro nel tempo, compresi i tempi stessi del telefilm che risultano molto ampi, molto tranquilli come ritmo. The Americans è una serie tv profondamente introspettiva, seppur si tratti di una spy story. C'è un approfondimento psicologico di tutto rispetto, ci sono dinamiche che vanno non solo viste ma capite e metabolizzate. Bisogna donare il proprio tempo a The Americans. 

Perché mi è piaciuto The Americans? Assieme ad Utopia secondo me è la miglior serie del 2013 (fino ad ora). Utopia è un pugno in pieno stomaco, fin da subito. The Americans è invece un vermiciattolo che s'insinua lentamente. Prima c'è la freddezza di Elizabeth poi c'è la comprensione di Philip poi i ruoli si ribaltano, i figli crescono, il vicino fa parte dell'FBI, spunta l'affascinante personaggio di Nina. L'approfondimento di ogni singolo personaggio in The Americans è qualcosa di curatissimo. S'inizia a parteggiare fin da subito per la Russia (e ricordiamo che è una serie tv americana) anche solo per i personaggi di Philip ed Elizabeth, fantastici. Assolutamente fantastici. Per Elizabeth io ho coltivato un rapporto d'amore-odio, ci sono state alcune scene dove ho fatto fatica a digerirla altre invece dove parteggiavo spudoratamente per lei. Philip invece è sempre fantastico, dall'inizio alla fine, con solo uno "sbaglio" che però ha un senso, ha un senso profondo all'interno della storyline, non è uno sbaglio idiota alla cazzo di cane come quello di Vikings ma uno sbaglio studiato, meditato e comprensibile.



Menzione assolutamente doverosa per gli attori. Innanzitutto Keri Russell e Matthew Rhys ma anche Annet Mahendru (Nina) a me è piaciuta moltissimo. Keri e Matthew sono volti telefilmici abbastanza noti, la prima per Felicity il secondo probabilmente per Brothers & Sisters. Prima di The Americans mi stavano alquanto indifferenti. Nessun amore spassionato per loro ma in questo telefilm sono superbi. Non c'è un singolo frangente in cui si può dubitare della loro bravura che fa in modo di innalzare ancor di più un telefilm con una storyline già di per sé profondamente solida. 

Altre due motivazioni per vedere The Americans? La nonnina (su cui non dico niente per evitare spoiler ma merita moltissimo il suo personaggio) e i bambini telefilmici più sopportabili di sempre, si finisce quasi per voler bene a Paige ed Henry. Sono bambini (anzi ragazzini) normali, fanno domande normali, nessun supereroe, nessun bambino frignone per un'unghia rotta. 

La serie è stata ben accolta dalla critica mondiale per il suo essere coinvolgente e per il cercare di rappresentare il tanto discusso sogno americano. Prima di concludere volevo ricollegarmi ancora ad Homeland. Se voi cercate in rete troverete molti paragoni Homeland - The Americans. Personalmente posso dire che ci sono diversi punti in comuni: sogno americano - FBI - Forze dell'ordine americane - Minaccia per l'America - Attori favolosi però non si può partire a vedere The Americans avendo in mente Homeland altrimenti si distrugge sul nascere il telefilm. La suspense creata dal telefilm di Showtime è da cardiopalma. Io ho visto tutte le puntate con tanto di tisana accanto. Quella creata da The Americans è più diluita, meno d'impatto, è qualcosa che aleggia nell'aria e non ti colpisce immediatamente ma ti fa riflettere successivamente. Da considerare ovviamente che Homeland è ambientata ai giorni nostri mentre The Americans negli anni Ottanta e questo conta moltissimo al fine della tensione.



Concludendo The Americans la consiglio davvero a tutti, magari non a chi si spazientisce per un tempo un po' più diluito rispetto al dovuto. Ci sono atmosfere perfette e dialoghi profondi, intensi, veri, vividi. Ci sono personaggi che sono caratterizzati in ogni singolo dettaglio. Ci sono tematiche importanti sollevate, di puntata in puntata. C'è un finale fottutamente giusto. Giusto per l'apertura di una seconda stagione. 


In questo post si parla di: , , , , , , , ,

22 commenti:

  1. Io non li vedo i telefilm...
    Ma credo che questa volta farò un eccezione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio oddio *___* Ma ci sono telefilm formativi per l'esistenza umana XDDD The Americans è un'ottima scelta :P

      Elimina
  2. Il finale con la canzone di Peter Gabriel *.*
    Questa è una signora serie, altamente consigliata a tutti, anch'io un po' d'anni fa facevo fatica a vedere le serie TV ma da un tot ho scoperto dei piccoli capolavori come questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto Barbara. Anche io non è da moltissimo che sono appassionata eh, infatti serie tv più "vecchie" me le sono persa. Ora invece è un vortice pericoloso :/

      Elimina
    2. Eheh peter gabriel alla fine e phil collins all'inizio con "in the air tonight". Ora manca solo una canzone dei genesis ;)

      Elimina
  3. Sono rimasta alla decima puntata quindi nel weekend mi rifaro'...anche a me sta piacendo molto e il mio ragazzo che ha visto Homeland trova in effetti delle affinita'!
    Poi qui Keri Russel ci fa capire che forse degli '80 in fatto di moda, c'e' qualcosa da salvare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muffin, se non l'hai visto devi recuperarlo Homeland sai sai sai *___* A me piace molto la moda anni '80 (non era così pessima). Anche se il telefilm che mi fa sbavare per i vestiti è Mad Men. Favolosi anni Sessanta everywhere *_* Awww

      Elimina
  4. Inizierò a guardalo, sembra caruccio.

    RispondiElimina
  5. Ho letto troppe recensioni positive su questo "The americans"...forse mi tocca trovare il tempo per vederlo! :)

    RispondiElimina
  6. gran bella serie.
    anche se alcuni episodi non sono stati eccezionali, e secondo me con la seconda stagione potrà migliorare ancora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! alcuni episodi sono stati "di passaggio" quindi non proprio eccezionali però nel complesso merita :) Dici che può ancora migliorare?! Speriamo! *-*

      Elimina
  7. Ciao Violet, passo a dirti una cosa:
    ti piacerebbe far conoscere il tuo blog ai lettori del Moz o'Clock, in modo simpatico e divertente?
    Passa a trovarmi dopo la mezzanotte per tutti i dettagli! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scatta l'ora X come quella di Cenerentola? Passerò! ^_^

      Elimina
  8. Grazie per il follow! :D
    Sembra interessante questo spazio, nonostante io non sia una grandissima 'seguitrice' di serie tv, ma gli spunti non li rifiuto mai! A rileggerci, quindi!

    Un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto ^_^ Se mai ti dovesse venire voglia di serie tv trovi qualche spunto :)

      Elimina
  9. Sembra proprio interessante, un telefilm sulla guerra fredda non me lo faccio proprio scappare. Chissà quando la potrò vedere non avendo Sky mi sa che dovrò aspettare un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sicura di volerlo vedere in italiano ç___ç Potrebbe uccidermi The Americans, il doppiaggio...

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Passo di qui solo ora perché volevo evitarmi spoiler più o meno grossi ;) recensione perfetta mia cara, ti ringrazio nuovamente di averne parlato tanto su twitter e di avermi spinta a guardare questo piccolo gioiellino. veramente ma veramente bellissima serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesorina :) Figurati, The Americans è un gioiello imperdibile ed ero certissima che ti sarebbe piaciuta. Attendiamo insieme la seconda stagione, tanto siamo abituate ad attendere XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email