lunedì 14 gennaio 2013


Ogni tanto penso di avere un pensiero continuo e generale in controtendenza a quello di gran parte della gente oppure non ho ancora capito come si sta al mondo, cosa molto probabile. Il giorno dopo i Golden Globes. Non capisco l'enormità dei post letti ma soprattutto di tweet che recitano, grosso modo, quanto segue: "Ah ci sono stati i Golden Globes ma me non interessa niente, che schifo" e via dicendo con "sono peggiorati", "ma di cosa stiamo parlando" tutto questo ripetuto per ennesime volte, di continuo. Ci mancava solo il classico "non ci sono più le mezze stagioni" e sarebbe stato un tripudio di frasi fatte. Questo preambolo assolutamente superfluo semplicemente per dire che non capisco cosa spinge l'animo umano a doversi inserire in un discorso "mediatico" quando non si è interessati all'argomento. Esiste una parola chiave chiamata silenzio ma sembra non essere più di moda. Avrei dovuto aprire un blog sulla selezione naturale, ancora una volta ho sbagliato tutto. 

Dunque, l'elenco dei vincitori, statuette varie, sconfitti e vittoriosi lo potete trovare ovunque sia nel web sia qui, con tanto di stellina in stile glitter che sentenzia il vincitore: Golden Globes 2013, nominati e vincitori.



Golden Globes 2013, una visione del tutto personale

In ordine vario vorrei spendere due parole su quanto per me di rilevante, ad esempio, mi scuserete per la mia totale ignoranza riguardo a "Girls" e tutto ciò che riguarda il mondo comico. Sia per serie tv sia per i film ho una totale disapprovazione per quanto di comico ci sia in giro quindi quando tutti stavano parlando di tale Lena Dunham avevo la faccia a punto interrogativo. Tutto ciò che deve fare forzatamente ridere mi manda in depressione. 

Detto questo passiamo al succo del discorso:

BEN AFFLECK & JENNIFER GARNER: spendo qualche parola per questa bellissima coppia che avevo dimenticato, soprattutto Jennifer, da me profondamente amata in Alias. Detto questo Ben Affleck ha fatto una scorpacciata di statuette meritate. Argo è proprio un bel film, con un'idea di fondo molto carina ed originale e tutto sommato con una struttura ben fatta. Il bacio spontaneo di Ben, la spiegazione di Jennifer una volta salita sul palco che con tanto di sorriso ha annunciato "E' mio marito", gli sguardi. Il romanticismo non smielato fatto a coppia. Approvati all'ennesima potenza. 

LEONARDO DI CAPRIO: vorrei menzionare colui che sta racimolando la considerazione di tutti in quanto gli sconfitti risultano sempre enormemente simpatici. Una delle prime immagini che la telecamera dei GG riprende è il sorriso di Di Caprio che purtroppo dura ben poco. Su Twitter, oggi, mentre vedevo i Golden Globes mi sono divertita scherzando sulla totale sfortuna di Leonardo Di Caprio che, poveretto, una statuetta se la sarebbe pure meritata. Invece no, bocca asciutta ai Golden Globes e già bocca asciutta per gli Oscar. Riprovaci Leo, tifiamo tutti per te e con te. 

ANNE HATHAWAY: la ragazza mi ha fatto altamente impressione (in negativo). Ora, io capisco che non è mai stata una donnona ma non mi è sembrata in grandissima forma anzi! Non aiutata da un vestito (completo) orrido che il bianco proprio non le si addice; insomma, l'ho vista in momenti migliori anche se lei non mi è mai stata particolarmente simpatica e non la ricordo neanche per una recitazione superba da lacrime istantanee. 

QUENTIN TARANTINO: insomma non si scopre nulla di nuovo. E' iniziato lo show che aveva in mano bicchieri di champagne a go go, dopo due ore lo show è finito e lui continuava a bere come se non ci fosse un domani. Per carità, Django Unchained lo si vedrà comunque con profonda attesa ma Tarantino rimane un personaggio da WTF. 

ADELE: probabilmente sarebbe stato meglio farla passare in sordina, da parte mia, senza soffermarmi ma sento un bisogno impellente di spendere due parole. Quando Adele ha fatto il suo ingresso nel mondo della musica mi stava pure piuttosto simpatica, ora non se ne può più. Una vittoria scontata che conoscevano pure i pavimenti di casa mia. Qualcuno mi deve spiegare la sceneggiata con tanto di "Oh My God" in ripetizione. La donna delle statuette piovute da ogni dove, la donna dei record si emoziona ancora per una vittoria scontata. Davvero poco credibile. Assolutamente bocciata dal mio punto di vista. Le sceneggiate se le potrebbe pure risparmiare. 

HOMELAND, DAMIEN LEWIS & CLAIRE DANES: il momento più bello dei Golden Globes 2013. Sì, sono estremamente di parte, sì ero in piedi sulla sedia per la loro vittoria esultando come manco alla vittoria dei Mondiali ma Homeland meritava tutte le statuette vinte e se possibile ancora di più. Una serie tv fantastica in tutto e per tutto. Non vedere e non amare Homeland è un vero oltraggio, da tutti i punti di vista. Trovo che il cast sia uno dei più belli di sempre e i discorsi di Damien Lewis e Claire Danes mi hanno strappato (quasi) le lacrime. Davvero la più bella sorpresa degli ultimi anni e, dopo averlo consigliato a mezza Italia buona, la vittoria mi ha reso felice come una mamma orgogliosa. Unica nota negativa la non vittoria di Mandy Patinkin. Il nostro Saul un premio se lo sarebbe proprio meritato e il suo sorriso davanti alla vittoria del cast, alla vittoria di Homeland è valso comunque il prezzo del biglietto (metaforico). La bravura di Mandy però avrebbe dovuto trovare uno spazio maggiore, tranquillo Saul, ci riproviamo l'anno prossimo. Ah, inizia il mio conto alla rovescia per la terza stagione che inizierà a fine Settembre, intanto si rivedrà la seconda seguendo la programmazione italiana. 

Da menzionare le apparizioni di Christian Bale che rimane sempre un gran bel vedere e di Jessica Alba da me sempre venerata. Menzione anche per Bradley Cooper.


Golden Globes 2013, i look migliori & i peggiori

Come sempre tanto cinema & serie tv ma anche sfavillanti look e come diceva qualcuno "sono pur sempre una donna". Quindi, quali sono i look da bocciare e quelli invece che fanno sognare? In questo momento mi sento una giovane Enzo Miccio & Carla Gozzi in erba. 




IL GUARDAROBA DA RUBARE:

1. Claire Danes. Sì, sono profondamente di parte ma lei merita premi e prime posizioni continue nonché fa scelte da me sempre apprezzate. Vorrei pure far notare che questa donna, in questa forma splendida, ha appena partorito. Vestito di Versace assolutamente perfetto per lei. Vai Claire, il mondo è tuo.

2. Jennifer Lawrence. Christian Dior strappa ancora una volta la quasi perfezione. Un vestito classico, senza troppe pretese, ma perfetto per una cerimonia del genere, vestito assolutamente approvato. 

3. Jennifer Garner. E' lei in qualche modo la regina della serata accanto al marito Ben Affleck. Jennifer prorompente e seducente in Vivienne Westwood. Un vestito che starebbe bene a poche, lei riesce nell'intento.

Menzione speciale per Rachel Weisz e un vestito non adatto, probabilmente, ai Golden Globes ma forse il più particolare (ma con gusto) apparso sulla passerella. Riutilizzalo per qualche altro evento, Rachel, non si butta via niente in tempo di guerra. 

Da menzione anche Miranda Kerr con uno spacco che solo un angelo di Victoria's Secret si può permettere. Un vestito sicuramente per poche.





BOCCIATURE PROFONDE:

1. Anne Hathaway. Sarà che io e lei proprio non troviamo un'affinità di nessun tipo ma questo completino molto finto raffinato di Chanel, insomma lascia a desiderare. Un fisico quasi scheletrico e un taglio sbarazzino per una carnagione che più pallida di così si muore, tutto questo in bianco. E' un enorme no. Riprovaci Anne e possibilmente sfrutta meglio Chanel, tu che puoi. 

2. Sienna Miller. La capacità di imbruttirsi delle donne, talvolta, deve essere documentata. Una bellezza come Sienna Miller rovinata da un completo che davvero fa urlare allo scempio. Tanti fiorellini per la Miller con un vestito di Erdem a cui bisognerebbe chiedere i danni morali per l'oscenità. Sienna, ti ricordiamo così

3. Lucy Liu. Definita da Harper's Bazaar come "ultra-femminile" vorrei ricordare che una tapezzeria di fiori non rende una donna femminile. Voglio un filmato di come la Liu si sia potuta sedere al tavolo occupando solo il proprio posto e non tutto il tavolo. Un ottimo spunto per la vostra prossima tappezzeria, firmata Carolina Herrera. 

Gli orrori del red carpet sono stati molti ma le varie Jennifer Lopez e Ariel Winter, per questa volta, sono state benedette. 



In questo post si parla di: , , , , , , , , , ,

21 commenti:

  1. "Tutto ciò che deve fare forzatamente ridere mi manda in depressione."
    Brutta infanzia, eh?

    Comunque, nella parte centrale, quella precedente i look, non ti soffermi tanto sugli artisti quanto sulle persone, giusto? O sono io che non capisco quello che leggo.

    Oh! Nel caso non la seguiste su twitter, Homeland è il telefilm del secolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm, non vedevo roba comica neanche da piccola. Forse brutta infanzia davvero! Guarda, riguardo attori-ruoli in alcuni casi hai ragione faccio un mix, in altri casi grazie ai ruoli giudico gli attori. Io penso che tutto sia collegato. Mi spiego meglio, prima di Homeland Claire Danes mi era del tutto indifferente, la sua recitazione entusiasmante mi ha fatto innamorare di lei :) Quindi sì, probabilmente unisco tutto in un grande calderone.

      Riguardo ad Homeland, del secolo forse è eccessivo. La più bella degli ultimi anni sicuro sicuro sicuro.

      Elimina
    2. In realtà, parlavo di attori in quanto professionisti/artisti e persone in quanto esseri umani. Ad esempio, hai citato la coppia che si baciava e un qualcosa che ha fatto il Sonno Quentin che a te non garbava.

      Elimina
  2. ignoro il significato dell'acronimo che hai affibbiato al MIO Quentin! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho voluto evitare di commentare le brutte cose che ha scritto su Tarantino perché mi sentivo particolarmente buono.

      Elimina
    2. Uh ma io riconosco il genio di Quentin eh! Semplicemente è un personaggio con cui non vorrei mai e poi mai averci a che fare! Potrebbe sputarti lo champagne addosso!

      Elimina
  3. Sai com'è, no? Un bel tacer non fu mai scritto...
    Non ho visto la cerimonia dei Golden Globes, non perchè non interessata, ma perchè il mio ritmo sonno-veglia segue un altro fuso orario.
    Complimenti per la parte frivola (in senso buono) dedicata al look. Effettivamente il vestito di Lucy Liu non vorrei averlo nemmeno come copridivano!
    E, pr continuare con la serie echissenefrega, nutro la tua stessa simpatia nei confronti della Hathaway.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh lieta che non sono sola nel scoprire l'indifferenza verso la Hathaway. La parte iniziale comunque era rivolta a quelle persone che criticano continuamente uno show e poi ne parlano tutto il giorno dicendo che a loro non interessa niente, non mi sembra il tuo caso :)

      Elimina
  4. homeland rules!
    ma non toccarmi tarantino, geniale ubriacone! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia geniale non l'ho mai messo in dubbio, ubriacone anche :)

      Elimina
  5. D'accordo praticamente su tutto. La Hathaway pareva deperita, Quentin se è sobrio credo che non combini nulla, e Homeland è il telefilm del secolo, senza dubbio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Hathaway ho pensato più di una volta che potesse crollare sul palco. Riguardo ad Homeland, non potrei trovarmi più d'accordo. Si aspetta la terza stagione con ansia :)

      Elimina
  6. devo ancora riuscire a vedere Argo, spero che i premi siano meritati:)
    per quanto riguarda i vestiti concordo abbastanza, solo il vestito della liu lo metterei tra i "meh" perché riesce a piacermi e non piacermi allo stesso tempo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Argo è sicuramente un film da vedere, quanto meno per poter giudicare :) Quello della Liu eh, sta tappezzeria eh!

      Elimina
  7. Mi sa che sono l'unica a non avere ancora visto Homeland. Guardo così tante serie tv idioti, teen ed inutili che non ho il tempo di iniziarne una nuova.

    Io tra l'outfit peggiore metterei pure la Bonham Carter. Inguardabilissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio spassionato, iniziala appena puoi che merita proprio! Guarda sulla Carter ero indecisa però l'ho salvata per la borsetta a forma di labbra che per lo meno era simpatica :)

      Elimina
  8. Il vestito della Hathaway non piace nemmeno a me, e secondo me non la valorizzava proprio. Per quanto riguarda il non essere al topo della forma, ho letto in un'intervista che per interpretare i Misarabili è dovuta dimagrire un sacco perchè doveva sembrare letteralmente una "morta di fame", forse è per quello che non è proprio in forma, forse si deve ancora riprendere. Almeno lo spero per lei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, spero per lei che si rimetta perché cosi come detto mi faceva impressione ^_^ D'altra parte quando s'interpreta un ruolo... però poveretta pure lei già non è mai stata una donnona...

      Elimina
  9. haahahah!!! D'accordo prìaticamente su tutto!
    Soprattutto su quel capolavoro di Dior che fa sembrare Jennifer Lawrence una modella!
    Cmq io la Carter l'avrei bocciata! ;)
    Un bacio!
    S

    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhhh lei ha sfruttato bene Dior XD
      Alla prossima

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email