domenica 25 gennaio 2015

Una settimana stranamente ricca di visioni cinematografiche (e non sempre e solo telefilmiche) anche se per la mia nuova cotta seriale del momento vanno spese due parole: Mozart in the Jungle. Recuperatelo tutti, tutto, sono 10 puntate da una ventina di minuti ciascuna. Merita tantissimo e Amazon ancora una volta ha fatto centro. E Gael García Bernal è di una goliardia davvero divertente. E' perfetto nel ruolo del Maestro, è trascinante. Saranno 20 minuti ben spesi, lo prometto.

Ma passiamo ai film visti... Sto cercando di fare i compiti a casa ed arrivare preparata agli Oscar, almeno per un anno. Sono aperte le scommesse se mai riuscirò a recuperare tutto entro il fatidico 22 Febbraio.


BIRDMAN

Non sono una fan di Alejandro González Iñárritu. Ho visto giusto Babel e 21 Grammi, che all'epoca ricordo mi aveva gasato parecchio ma non è di certo uno dei miei registi del cuore. Beh, dopo Birdman lo potrebbe tranquillamente diventare. Il cast della madonna quale Michael Keaton, Emma Stone, Edward Norton, Naomi Watts conta ben poco. Siamo abituati a filmoni con un cast stellare sulla carta che crollano miseramente durante la visione del film (American Hustle, ti ricordo ancora bene purtroppo). La miglior qualità di Birdman è una idea sottostante a dir poco geniale e una trama articolata senza risultare però eccessivamente complessa. E' facile seguire Birdman nei suoi dialoghi, nella sua regia sublime. Si rimane incollati allo schermo e viene solo voglia di applaudire per lunghi minuti a scena aperta. Ho adorato alla follia i dialoghi di Birdman.

Ieri durante la visione ero talmente immersa nel film che ho anche confuso, su Twitter, Emma Stone con Emma Watson ma nella mia mente la Stone era davvero molto chiara e la Watson, ahimè, non c'entrava nulla. Interpretazione sofferta, emotiva, sorprendente della Stone. Emma la seguo con interesse ma anche per lei, come per Iñárritu, non ho mai pensato di vendere i parenti. Dopo questo film ci potrei seriamente pensare. Adorabile anche il suo look e quegli occhioni enormi (ma ha sempre avuto occhi così grandi la Stone?).... Infine, che Michael Keaton ed Edward Norton fossero degli ottimi attori non ci sono mai stati dubbi ma in Birdman tutto viene esaltato alla massima potenza. Soprattutto nella parte finale del film. Soprattutto nelle scene finali. Ho letto che molti non hanno approvato il finale che ovviamente non svelo perché è una delle parti migliori del film (IMHO), ma ecco. Quale altro finale poteva risultare così giusto? Così in linea con lo spirito del film? Secondo me nessuno. Il finale perfetto per la pellicola.

Per curiosità ha googlato i giudizi da parte delle grandi testate cinematografiche (o presunte tali) su Birdman... 3 stellette, 3 e mezzo e sono piuttosto rimasta basita. O io ho visto un altro film o non ci siamo. Non voglio svelare troppo del film, non voglio addentrarmi in un'analisi psicologica anche perché in realtà mi sembrerebbe quasi di sporcarlo, di aggiungere parole dove non c'è necessità. Basti dire che Birdman è un film attuale, psicologico, introspettivo, dove i legami, il teatro e il potere pericoloso dei social network si legano profondamente. Ho amato quei piani sequenza ripetuti, la colonna sonora minimale nel suo particolare jazz, il viaggio nella mente dell'attore, all'interno delle ossessioni, delle manie e soprattutto delle paure. Perché alla fine, anche dopo uno spettacolo, anche dopo la fama, il senso di solitudine non ti abbandona mai. Quanto contiamo in realtà per gli altri? Quanto contiamo per noi stessi? Farsi queste domande fa paura, fa molta paura. E' un film sperimentale, innovativo, intimista, che non ha timore di mettere in luce le debolezze e le contraddizioni dell'essere umano ma anzi, sono questi i punti solidi e forti del film.

Siamo solo a fine Gennaio e non si può parlare di film dell'anno ma per me, almeno per ora, lo è. Voto: 9.



THE IMITATION GAME

Passiamo invece alle delusioni (mezza delusione) della settimana. The Imitation Game me lo aspettavo davvero molto meglio. Forse sono partita super motivata verso Benedict Cumberbatch e particolarmente positiva verso i film biografici (visto l'innamoramento attuale per La Teoria del Tutto). Perché The Imitation Game non ha funzionato? Bella domanda a cui mi piacerebbe avere una risposta... mi è sembrato un buon compitino portato a casa e nulla di più. Ho apprezzato molto il rispetto della pellicola per Alan Turing, ho amato il modo in cui Benedict lo ha interpretato, ho adorato il fatto di non indagare maggiormente sugli aspetti dell'omosessualità e della morte. L'ho trovato un film profondamente rispettoso della figura di Turing. Delicato. 

Detto questo però la pellicola non mi ha emozionata, neanche per un minuto. Complice anche forse l'antipatia verso Keira Knightley che, secondo me, non è stata per niente capace di portare sulla scena Joan. Joan è un personaggio chiave, nel film non si è avvertito ciò. Si avvertiva con tanta immaginazione, caricando la performance della Keira e immaginando un modo migliore di portare in scena Joan ma questo non basta. Non mi emozionava il suo cercare di capire un personaggio come Alan, non mi emozionava il suo modo di rapportarsi con Turing. Un film salvato dall'ottima prova di Benedict, che si è rivelato ancora una volta superbo, ma pretendevo lacrime che sgorgavano come fontanelle e invece non ci sono state... Peccato. Un vero peccato. Voto: 6.



AMERICAN SNIPER 

Ultimamente ho trovato un nuovo passatempo preferito. Quando qualcosa non mi va a genio la frase perfetta è: "E' quasi brutto come American Sniper". Insomma le 6 nomination agli Oscar sono un insulto e su questo non si discute. Se The Imitation Game non raggiunge i risultati sperati ma comunque è una pellicola di tutto rispetto American Sniper davvero, non lo è. Non ci si avvicina neanche, con tanta immaginazione. Siamo al 3° biopic visto e stiamo andando sempre peggio, non oso pensare a cosa mi attenderà per Big Eyes.

Le prime decine di minuti si passano a capire cosa abbia di strano Bradley Cooper... è senza barba! Poi fortunatamente la barba cresce e tutto è più rassicurante. A parte questa nota di dubbio conto, altra nota di dubbio interesse... Sienna Miller perché non sei bionda? Insomma, se non sapete già che nel film c'è Sienna Miller con un ruolo da co-protagonista, ecco non la riconoscerete mai. Sienna generalmente mi è simpatica a pelle, la trovo sempre carina e a modo. Qui sembra sia una cagna maledetta e ti viene voglia di prenderla per i bruni capelli e attaccarla al lampadario del soggiorno. Anche qui, come con Bradley, non si ottiene il risultato sperato e già non ci siamo.

Sulla parte della guerra e dell'addestramento non spendo parole. Non sono afferrata sui film di guerra quindi non sono in grado di dire se è stata messa in campo bene o male, in modo delicato o sofferto. Sta di fatto che mentre vedevo American Sniper ho giusto fatto quelle 200 cose rimaste in sospeso nel corso della settimana. Dopo aver identificato Bradley Cooper con la barba e Sienna Miller bruna, il tutto è stato una noia profonda. Mi dispiace veramente per Clint che generalmente porta in scena film intelligenti ma American Sniper, oltre ad essere recitato maluccio, è incongruente, è noioso, è così patriottico da risultare aberrante. Fra l'altro povero Clint, manco una nomination agli Oscar. Sei nomination praticamente inutili (e totalmente insensate) e lui neanche una povera nomination (che non avrebbe mai vinto ma almeno sarebbe stata una magra consolazione). 

Voglio spendere due righe sul bambolotto comprato a costo 2 euro dai cinesi. Come si vede dalla gif (ed è palese nel film!), Bradley si coccola vistosamente un bambolotto finto, fintissimo. Ora, va bene tutto, va bene il budget, va bene i bambini finti così non sono da cambiare, non piangono e non creano problemi ma seriously?! Per un film candidato all'Oscar mi mettete un bambolotto finto che più finto non si può? Non so se ridere, incazzarmi o piangere disperata. 

Cosa mi è piaciuto del film? Cosa salvo? Niente. Davvero niente. Come l'eroe americano è stato esaltato non mi è piaciuto per nulla, patriottico in maniera sbagliata, un film che non ha né capo né coda, che ha perso qualsiasi inizio e fine, non c'è un filo narrativo, non c'è una rilettura interessante e intensa del personaggio di Chris Kyle. Da una parte, viene da dire, meno male che il vero Chris Kyle si è potuto risparmiare questo scempio. Rivoglio 2 ore e 14 minuti. 




 


In questo post si parla di: , , , , , , , , , , , ,

23 commenti:

  1. Concordo su tutto.
    Birdman che mi ha rapito, The imitation game che mi delude sempre di più anche solo a ripensarci e American Sniper sulla fiducia perché non lo vedrò mai.
    Benedetto è stato grandioso, il film aveva un grandissimo potenziale che è andato completamente sprecato. Pochissime emozioni anche per me, storia che mi è sembrata trattata in maniera superficiale e senso di insoddisfazione al finale. Keira BLEAH (commento pregnissimo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco sei stata molto più stringata di me ma di effetto :). Guarda risparmiatelo American Sniper, fai un favore alle tue 2 ore e 14 minuti guadagnati. Su The Imitation Game ho letto per la maggior parte ottimi commenti e mi dispiaceva un po' parlarne in maniera fredda ma... davvero poche emozioni.

      Elimina
    2. Dopo aver letto tanti commenti positivi mi aspettavo un altro amore infinito come per The Theory of Everything. E invece son rimasta col pacchetto di fazzoletti intatto.
      Per American Sniper non ci sono pericoli, lo evito come la peste.

      Elimina
    3. La Teoria del Tutto è stato un grande amore inaspettato! Sono andata al cinema non aspettandomi nulla e invece ho pianto tipo fontanella (come speravo facesse The Imitation Game... invece niente, nulla cosmico).

      Elimina
  2. American Sniper l'ho massacrato anche io in una mia recensione:
    http://www.ftnews.it/articolo.asp?cod=104

    Birdman devo vederlo assolutamente e già so che mi piacerà moltissimo.
    Spero che gli Oscar se li prenda lui, o chiunque altro, tranne American Sniper (la sola candidatura è un insulto al cinema)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. E' davvero un insulto al cinema. Tutti ma non American Sniper. Ho deciso che se non riesco a vedere tutti i film in gara e quindi non saprei per chi tifare (non mi piace farlo se non ho la panoramica chiara e completa), tiferò per "tutti fuorché American Sniper"!

      Birdman recuperalo al più presto.
      Filmone, IMHO.

      Elimina
  3. Birdman bellissimo, American Sniper e The Imitation Game sopravvalutati! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. American Sniper è osceno... The Imitation Game speravo io in meglio. Però sì direi sopravvalutati entrambi...

      Elimina
  4. Ho saltato la parte di Birdman, voglio aspettare per vederlo direttamente al cinema.
    American Sniper mi è sembrato troppo "americano" per i miei gusti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso ci siano spoiler sul film ma ti aspetto poi qui quando hai visto Birdman! E anche io a dire il vero non vedo l'ora di rivederlo al cinema. Ho molta paura per il doppiaggio, secondo me i dialoghi perdono molto in italiano ma... oddio sarà sempre Birdman! American Sniper si sapeva fosse americano, troppo americano, ma lo è davvero nel modo sbagliato.

      Elimina
  5. Bastian contrario in arrivo. Pur riconoscendo la grandezza interpretativa di Birdman (bravi tutti ma l'oscar come non protagonista lo merita JK Simmons senza storie) il film mi ha suscitato una sana ed imprevista antipatia..."The imitation game" invece l'ho trovato un solido biopic vecchio stile e mi è piaciuto tanto.Strepitoso Benedict.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacciono i bastian contrari XD Su Jk Simmons non mi esprimo perché non ho ancora visto Whiplash. Quindi non posso commentare con cognizione di causa. Ma davvero una antipatia? Ma perché ç___ç

      Elimina
  6. Yee che bello vederti così attiva, su Birdman concordiamo (ma quanto è bello Mozart in the jungle? Anch'io voglio un maestro così che mi porta il mate <3), ma ormai s'era capito. Gli altri due film continuo ad ignorarli, detesto gli Oscar e in generale questo periodo di attesa non mi colpisce minimamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto cercando di mantenermi costante e ahimè quanto è difficile. Uhhhhh Mozart è un gioiellino godurioso. Ti metti lì 25 minuti e non pensi a niente XD

      Elimina
  7. Oh, ma allora sei tornata!
    Evviva evviva!

    Birdman lo vidi a Venezia e ne rimasi folgorata, devo però ammettere che passati un po' di mesi il ricordo e l'entusiasmo si è sbiadito, ma non so bene perchè... in ogni caso, quei lunghi piani sequenza e quella musica incessante sono rimasti vividi e ce l'ho molto con l'Academy per l'esclusione (causa cavilli) della colonna sonora.

    Come già sai, The imitation game l'ho amato, molto più de La teoria del tutto, anzi, decisamente di più. Sarà che le aspettative per entrambi erano inversamente proporzionali: dal primo mi aspettavo la ruffianeria, dal secondo la delicatezza... einvece..

    Concludo con le paure che mi attanagliano in attesa di recuperare Clint, mentre Mozart è già pronto per essere visto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene sì, chi non muore si rivede XXD Rieccomi. Vediamo per quanto riuscirò ad essere costante. Ci sto provando, però! Riguardo a Birdman non saprei dirti, ora sono ancora così presa dall'hype del film che mi sembra la cosa più bella del mondo. Clint e il bambolotto, ti prego recuperalo e distruggilo :)

      Elimina
  8. Di American Sniper io salvo (un po') solo Bradley Cooper... a me The Imitation Game non è dispiaciuto ma come te l'ho trovato molto ben compitato ma mi aspettavo di più e di materiale per avere quel di più ce n'era... il prossimo da vedere è Birdman!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Bradley starebbe anche simpatico, se non scegliesse sempre film che mi stanno sullo stomaco. Alziamo i cuori per Birdman, together!

      Elimina
  9. Davvero non ti è piaciuto quello su Turing? A me invece, è piaciuto moltissimo, per quanto sulla Knightley mi trovi perfettamente d'accordo con te. Sa solo fare un personaggio e in questo caso non era il personaggio adatto. Mi è piaciuto proprio il lato delicato, il voler raccontare la storia senza farne una cosa colossale come fanno sempre a Hollywood.
    American Sniper, nonostante il forte richiamo di Bradley Cooper, non lo sono andata a vedere perchè temo molto una pellicola del genere, non fai che confermare i miei timori. Forse lo vedrò in dvd, forse no.

    Vedrò senza dubbio Birdman!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. American Sniper, ripeto, risparmia le due ore e passa ed investile a vedere Birdman XD Ci guadagni senz'altro. The Imitation Game ci sono seriamente rimasta male, avrei voluto tanto che mi colpisse in pieno invece sono rimasta molto "freddina" nei suoi riguardi. Keira, io non so come faccia ad essere dove è.

      Elimina
  10. Birdman voglio vederlo assolutamente. Spero di trovare il tempo. Oggi intanto, se riesco, mi vedo Big Eyes ;)
    buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere com'è Big Eyes! Non ho ancora avuto modo di vederlo.... Birdman è quanto meno da vedere, poi sarà un film molto settoriale, sicuramente non potrà piacere a tutti ma... vedilo vedilo vedilo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email